Udine, centinaia in piazza contro bocciatura Ddl Zan: “vergogna”

manifestazione alfi lune udine contro affossamento ddl zan

Il presidio, al quale secondo gli organizzatori hanno preso parte circa 500 persone, è stato promosso, tra gli altri, da Arcigay Friuli e Arcigay Trieste e Gorizia, Agedo, Alfi Lune, Rete Lenford, Famiglie Arcobaleno Fvg, Fvg Pride

UDINE – Mani alzate al grido di “vergogna” oggi in piazza a Udine per la manifestazione organizzata da una rete di associazioni, coordinate da Arcigay Friuli, contro lo stop al cammino del ddl Zan in Parlamento.

Alcune centinaia le persone che hanno fatto sventolare bandiere arcobaleno ed esposto striscioni, a sottolineare la necessità di continuare senza sosta la battaglia contro tutte le discriminazioni.

“Solitamente le persone elette in senato si fanno chiamare onorevoli – ha detto il presidente di Arcigay Friuli Luca Vida -, ma il becero teatrino a cui abbiamo assistito mercoledì non ha nulla di onorevole”. Vida, chiedendo a più riprese ai partecipanti di alzare le mani “se in qualche modo avete subito discriminazioni o le hanno subite persone a voi care”, ha evidenziato che “omolesbobitransfobia, misoginia e abilismo sono crimini d’odio così come razzismo, xenofobia e altre: per questo era necessaria l’estensione della legge Mancino voluta dal ddl Zan, perché non tutela sufficientemente le donne, la comunità Lgbtqia+ e le persone con disabilità”.

Il presidio, al quale secondo gli organizzatori hanno preso parte circa 500 persone, è stato promosso, tra gli altri, da Arcigay Friuli e Arcigay Trieste e Gorizia, Agedo, Alfi Lune, Rete Lenford, Famiglie Arcobaleno Fvg, Fvg Pride, con l’adesione di altre associazioni del territorio regionale, tra le quali Anpi Fvg, Arci Ud-Pn, Donne in Nero, Cgil Fvg e Jotassassina.

“Queste nostre mani alzate – ha concluso Vida – sono la miglior risposta a chi dice che una legge come il ddl Zan non serve per far uscire il nostro paese dal Medioevo. Arcigay Friuli continuerà a portare avanti la cultura del rispetto con o senza l’aiuto delle istituzioni e lo faremo unitamente alle altre associazioni del territorio, perché la resistenza continua”.

Fonte: NordEst24

Condividi su:

Rispondi

X