Lotta alla violenza di genere

alfi violenza di genere

La diffusione endemica e sistemica della cultura patriarcale è alla base della violenza di genere, presente ad ogni livello dell’esistenza delle donne. La lotta a questo sistema è un caposaldo della mission di ALFI. Formazione interna, collaborazione con Centri Antiviolenza, informazione e monitoraggio del fenomeno sono alcune delle principali attività di ALFI. Scopri lo sportello per donne lesbiche e bisessuali vittime di violenza domestica.

La stessa attenzione viene riservata al fenomeno della violenza all’interno delle coppie lesbiche, fenomeno pericolosamente in crescita seppure ancora poco conosciuto.
Dalla formazione interna di alcune operatrici di Centri Antiviolenza sono nati, negli ultimi anni, sportelli dedicati alle donne lesbiche e bisessuali vittime di violenza domestica, primo fra tutti lo sportello Women4Women a Perugia, nato dalla collaborazione del circolo Omphalos LGBTI con Libera...mente Donna.

Uno degli obiettivi di ALFI è quello di garantire il miglior sostegno possibile alle donne in difficoltà, favorendo l’apertura di sportelli dedicati in tutto il territorio nazionale e/o fornendo un servizio di assistenza e supporto a distanza.

Hai bisogno di parlare?

Scrivici, ti risponderemo il prima possibile.

Secondo uno studio ISTAT, il 9% circa delle lavoratrici italiane hanno subito almeno un ricatto sessuale sul posto di lavoro nella loro vita, l’11% dei quali terminano con il licenziamento della donna molestata.
Solo nel 2016 si sono registrati 149 casi di femminicidio e 1.601 denunce per stalking. In entrambi i casi, 2 volte su 3 il colpevole era il compagno, l’ex-compagno o un parente di origini italiane.
Le percentuali non cambiano nei casi di violenza fisica: anche qui, più dell’80% degli stupri sulle donne italiane è stato commesso da un italiano.
Di queste, solo l’11,4% trova il coraggio di denunciare una violenza subita, contro il 17,1% delle straniere.
Il 37,6% delle donne vittime della violenza del partner ha riportato ferite, lividi, contusioni o altre lesioni. Il 20% è stata ricoverata in ospedale.
Tra le donne ricoverate per violenze sessuali perpetrate dal partner, 1 su 5 ha riportato danni permanenti.

Trova il Centro Antiviolenza più vicino

Clicca sul pulsante per aprire la mappa.

"ALFI persegue le seguenti finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale:

  • la difesa del diritto di autodeterminazione di tutte le donne in ambito personale e professionale e la lotta ad ogni forma di limitazione della libertà individuale, nonché la difesa del diritto di autodeterminazione delle persone omosessuali, bisessuali, transgender e intersex;
  • la lotta alla violenza di genere, allo slut shaming, al catcalling e al body shaming e la promozione della body positivity e di una sessualità sana e consapevole."

Art. 4 comma 1 - Statuto Sociale


Fonti:
https://www.istat.it/it/archivio/203838
https://www.istat.it/it/archivio/209107
La violenza ha mille volti, anche arcobaleno